FANOFUNNY

FANOFUNNY
Le migliori barzellette su Berluscon de' Berlusconi!
Home Battute Cartoline Cinema Comics Cover Forum Gallery Satira Toonx English
Mappa Festival Awards Exhibits Guests Links News Shopping Search Info E-mail
Google Cerca con Google    |  Wallpapers | Video divertenti | Suonerie | Videogames | Loghi | Viaggi | Mp3


FANOFUNNY
"CLONAZIONE"


L'ULTIMA ANGOSCIA...
di Andrea ALOI *

Per mia fortuna, una sola volta nella vita ho provato qualcosa di più profondo e devastante della paura, una sorta di annullamento totale ed immediato: fu quando - era d'estate - sulla piazzetta di Ponza incontrai me stesso.
Non il mio sosia, attenzione: proprio una copia esatta di me, di quell'io che, quando si è vivi, non si vede mai dal di fuori...
Era vestito con panni simili ai miei e che facevano capire gusti affini, identica la capigliatura lungotta, gli occhiali, la corporatura, il gestire, quel certo "aroma" nello stare al mondo che ciascuno di noi sente come esclusiva e sacrosanta proprietà.
Un clone, sì, ma non di laboratorio.
Tutte le arti del '900 ci hanno già fatto assaggiare con abbondanza il supremo e perturbante orrore dell'uomo che muta, per subitanea metamorfosi o lieve scivolamento, nel suo doppio crudele e selvaggio e sconosciuto: un'escursione nell'Es dove si è, magari per una impercettibile e minima parte, ancora rettili o si serba la potenzialità di divenire vampiri (presente il film di Dreyer?).
Sul declinare del secolo, spetta alla scienza (o meglio, al governo mondiale della Tecnica, potenza geometrica e autonoma che ormai "crea" e distrugge leggi di natura nella più totale, colpevole distrazione) e ai suoi oligarchi farci scoprire l'ultima angoscia (ultima nel senso che essa ci appare insuperabile): quella della riproducibilità virtualmente infinita dello stesso organismo vivente.
Condannato ad una vita-morte, ad una non-vita indicibile. Ben strano e truce commento ad una rassegna che nasce sotto l'egida di "FanoFunny", non è vero?
Eppure, la potenza, l'icastica efficacia di un Saltykov, di un Kos, di un Basotov e di tutti gli altri, non sta nel sollecitare una liberatoria o acre risata. Ma nel pungere con lo spillo dell'inquietudine.
Ennesima conferma che i sopracitati appartengono alla rara categoria dei satiri veri, genìa nobile e non clonabile, a differenza dei mille umoristi a gettone che infestano lo spazio-tempo televisivo e cartaceo.
Ai secondi, se vien meno il guizzo del riso, si sbiadisce, insieme, la ragion stessa d'esistere.
Ai primi, la mancanza della classica battuta non nuoce, anzi, li rafforza.
Gente strana, abituata a sollevare i sassi dell'apparenza e a contare i vermi che stanno sotto. Gente unica.
Che Dio (se c'è) benedica queste matite nemiche dell'Ordine burattinesco e protette dal Caso.

* Fondatore ed ex-direttore della rivista satirica Cuore


Home | Introduzione | Programma | Premiati | Artisti | Galleria


II Cartoon Fax Festival 1997


© FANOFUNNY 1996-2013   Tutti i diritti riservati

Suonerie  |  Screensaver  |  Videogames  |  Video divertenti  |  Carnevale Fano  |  Musica Mp3  |  Polifoniche  |  Hotels  |  Viaggi